Archivio per Categoria Liberi professionisti, autorizzazioni sanitiarie, pubblicità sanitaria

Fatturazione prestazioni sanitarie nell’ambito delle strutture non accreditate. Risoluzione Agenzia delle Entrate del 20/08/2010 n.87/E

L’Agenzia chiarisce la fatturazione delle prestazioni sanitarie effettuate nell’ambito di strutture private non convenzionate. Articolo 10, primo comma, n. 18 e n. 19, DPR n. 633/1972.

La risoluzione

Vigenza della sanzione per violazione delle norme in materia di pubblicità sanitaria (R.D. 27 luglio 1934, n. 1265, art. 201). Cassazione Civile 17/06/2010, n. 14652

Come ribadito anche da Cass., Sez. 2^, 9 marzo 2010, n. 5727, la L. 5 febbraio 1992, n. 175, recante “Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell’esercizio abusivo delle professioni sanitarie”, comminando la sospensione dall’esercizio professionale a carico di coloro che effettuino pubblicità senza l’autorizzazione ovvero con mezzi e forme non disciplinati dalla legge, non prevede una contravvenzione amministrativa ma una fattispecie di illecito disciplinare; e che pertanto va escluso che detta legge abbia comportato la tacita abrogazione del R.D. 27 luglio 1934, n. 1265, art. 201, (Approvazione del testo unico delle leggi sanitarie), che assoggetta a sanzione amministrativa pecuniaria la violazione delle norme sulla pubblicità in materia sanitaria da esso previste.

La sentenza

IRAP – autonoma organizzazione. Circolare della Agenzia delle Entrate n.28/2010

IRAP, autonoma organizzazione – giurisprudena della Corte di Cassazione, ulteriori istruzioni operative per la gestione del contenzioso pendente.

Danni causati dal fumo delle sigarette. Cassazione Civile, sentenza 17/12/2009 n.26514

La Corte intervie

La sentenza

ne sui danni provocati dal fumo delle sigarette, ma in modo indiretto: a titolo di danno prodotta dalla pubblicità ingannevole delle sigarette “Light”.