News
Archivio news
Revisione buste paga
Chi siamo
Forum
Legislazione
Lavora con noi network dirsan
Diritto all'assistenza
Responsabilità
Lavoro&Sanità
Accreditamento
Appalti pubblici
Farmaceutica
Bioetica
Terzo settore
Links

Abbonamento annuale

Paypal
NEWSLETTER: Iscriviti Cancellati

CORTE DI CASSAZIONE, SENTENZA 27 MARZO 2014, N. 7195

La Cassazione detta le regole in tema di nesso causale e perdita di chances nella responsabilità medica.
Per il risarcimento della perdita di chances non è richiesto il "più probabile che non", cioè una percentuale maggiore del 50%.

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza

CORTE DI CASSAZIONE, SENTENZA 17/02/2014 N.3622

Le clausole "claims maid" nei contratti di assicurazione dalla responsabilità professionale sono legittime.

La sentenza: CassazioneCivile170220143622.pdf

CORTE DI CASSAZIONE, SENTENZA 12/09/2013 N.20917

La trattenuta dell'IRAP sui compensi corrisposti ai medici in "intramoenia" è illegittima.

La sentenza in Lavoro&Sanità/Previdenza e fiscalità

LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA BACCHETTA L'ITALIA SUI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO.
SENTENZA DEL 12/12/2013 NELLA CAUSA C-50/13

L’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che figura in allegato alla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all’accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato, dev’essere interpretato nel senso che esso osta ai provvedimenti previsti da una normativa nazionale, quale quella oggetto del procedimento principale, la quale, nell’ipotesi di utilizzo abusivo, da parte di un datore di lavoro pubblico, di una successione di contratti di lavoro a tempo determinato, preveda soltanto il diritto, per il lavoratore interessato, di ottenere il risarcimento del danno che egli reputi di aver sofferto a causa di ciò, restando esclusa qualsiasi trasformazione del rapporto di lavoro a tempo determinato in un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, quando il diritto a detto risarcimento è subordinato all’obbligo, gravante su detto lavoratore, di fornire la prova di aver dovuto rinunciare a migliori opportunità di impiego, se detto obbligo ha come effetto di rendere praticamente impossibile o eccessivamente difficile l’esercizio, da parte del citato lavoratore, dei diritti conferiti dall’ordinamento dell’Unione.
Spetta al giudice del rinvio valutare in che misura le disposizioni di diritto nazionale volte a sanzionare il ricorso abusivo, da parte della pubblica amministrazione, a una successione di contratti o rapporti di lavoro a tempo determinato siano conformi a questi principi.

La sentenza in Lavoro&Sanità

TRIBUNALE DI FERRARA: NELLA RESPONSABILITA' CIVILE VIGE IL PRINCIPIO DEL "PIU' PROBABILE CHE NON".

Al fine dell'accertamento del nesso causale.

La sentenza: TribunaleFerraraSezLavoro24012014.pdf

IL TRIBUNALE DI FIRENZE CONFERMA: LE AZIENDE SANITARIE NON POSSONO ADDEBITARE L'IRAP AI MEDICI IN INTRAMOENIA .

Il Tribunale di Firenze dichiara illegittima la trattenuta dell'8,5% per IRAP sui compensi dei medici che operano intramoenia. Controllare le buste paga e, in caso di dubbio, inviarle per un controllo gratuito a info@dirittosanitario.com.

La sentenza in Lavoro&Sanità/Previdenza e fiscalità

MANCATO RICONOSCIMENTO DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE UNIFICATA DEI MEDICI IN EXTRAMOENIA E/O DELL'INCARICO DIRIGENZIALE DI ALTA PROFESSIONALITA'.

Riunione operativa il
14 FEBBRAIO 2014 H.16.30 presso lo Studio Legale Dell'Ali, Via Nazionale n.200/B, Modica (RG).


INDENNITA' DI ESCLUSIVITA' E CRITERI DI CALCOLO DELLA ANZIANITA' DI SERVIZIO:

Per il Tribunale di Brescia l'anzianità di servizio dei rapporti a tempo determinato è sempre valida, anche se c'è "soluzione di continuità". Di conseguenza in tali casi viene anticipato l'aumento della indennità di esclusività.

La rivoluzionaria sentenza in esclusiva su questo sito nella sezione Lavoro&Sanità/Indennità

MANCATO RICONOSCIMENTO DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE UNIFICATA DEI MEDICI IN EXTRAMOENIA:

Riunione operativa il
29 GENNAIO H.19.00 presso lo Studio Legale Del Campo, Via Vincenzo Giuffrida n.67 - Catania.
Altre riunioni in programma a Modica, Messina e Palermo.

CORTE DEI CONTI - SICILIA

Due importanti principi sottostanno al ricorso patrocinato con successo da ww.dirittosanitario.com.

1) L’art.2, comma 12 legge n.335/95 disciplina la pensione di inabilità nel caso di " permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa" . Tale  norma non va interpretata in senso assoluto : la eventuale capacità lavorativa residua deve permettere un lavoro confacente e dignitoso, diversamente, si ha diritto al beneficio della pensione di inabilità.

2) Il beneficio del riconoscimento della anzianità fittizia per la pensione di inabilità dei dipendenti pubblici viene incrementato automaticamente in base alla età pensionabile vigente al momento della domanda di pensionamento. Il minore ed originario termine di 60 anni previsto dell’art.9, comma 3, DM n.187/1997 è da ritenersi superato (nel caso in specie, trattandosi di pensionamento del 2011, la differenza in favore del dipendente è stata calcolata sulla base di 61 anni, guadagnando così un anno di contribuzione fittizia).

La sentenza in Lavoro&Sanità/Previdenza e fiscalità.


CORTE D'APPELLO DI ROMA:

Il Dirigente medico che sostituisce il Direttore di struttura ha diritto all'intero trattamento del sostituito nel caso in cui la sostituzione si protragga oltre il termine di dodici mesi previsto dal CCNL (nel caso in specie il posto era vacante e non erano neanche state attivate le procedure per la selezione del nuovo Direttore). La "sostituzione" infatti deve essere sempre temporanea e straordinaria.

La sentenza in Lavoro/Mansioni superiori.

IL TAR DEL LAZIO RIMETTE IN GIOCO IL METODO "STAMINA". FIOCCANO LE ORDINANZE EX ART.700 C.P.C.

L'ordinanza: TARLazioOrd47282013.pdf


CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.26358/2013 E ONERE DELLA PROVA NELLA RESPONSABILITA' SANITARIA.

Poichè la responsabilità sia del medico che dell'ente ospedaliero è di natura contrattuale, resta a carico dell'obbligato - sia esso il sanitario o la struttura - la prova che la prestazione sia stata eseguita in modo diligente e che l'evento dannoso sia stato determinato da un evento imprevisto e imprevedibile.

La sentenza in Resaponsabilità/Assistenza.


CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA 7 NOVEMBRE 2013 N.25072

Se la malattia del lavoratore è stata causata da inadempimento del datore di lavoro essa non è computabile nel periodo di comporto.

La sentenza: CassazioneLavoro0711201325072.pdf


CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.19405/2013: 


La risarcibilità del danno morale è principio di ordine pubblico internazionale non derogabile dalla applicazione di una lgislazione straniera difforme.
La sentenza:
CassazioneCivile194052013.pdf

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, SEZ. LAVORO, SENTENZA 2 OTTOBRE 2013 N.22538

Se la malattia del lavoratore è causata dal mobbing del datore di lavoro il licenziamento per superamento del periodo di comporto è nullo.

La setenza in Mobbing/Licenziamento


CORTE DI CASSAZIONE CIVILE SEZ. LAVORO, SENTENZA 5 APRILE 2013 N.8443.

Mancata progressione nell'incarico dirigenziale e risarcimento dei danni per perdita di chances. Prescrizione decennale.

"I principi di correttezza e buona fede imponevano che, anche in caso di scelta effettuata sulla base della valutazione di particolari elementi di capacità e di merito, il provvedimento del datore di lavoro doveva essere motivato onde consentire al lavoratore di contestare specificatamente l'atto e che , in caso di mancanza di motivazione, l'atto del datore di lavoro diventava del tutto arbitrario non permettendo alcun controllo sui criteri applicati."

La sentenza: CassazioneCivileLavoro050420138443.pdf



CORTE DI CASSAZIONE CIVILE SEZ. LAVORO - SENTENZA N.14017/2013


Danno esistenziale. Inclusione nel danno biologico.

la Corte di non nega
l'esistenza del danno esistenziale, sempre risarcibile alla stregua del disposto del 2043 c.c., in riferimento alla violazione dei diritti della persona anche nei casi in cui la condotta offensiva non costituisce reato, ma lo ha inteso includere nel
danno biologico applicando un criterio liquidativo complessivo.

La sentenza: CasscivSezlavoroSent04062013n14017.pdf




TRIBUNALE DI MILANO, SENTENZA 10 GIUGNO 2013
PARITA' DI TRATTAMENTO TRA DIPENDENTI PUBBLICI.

"la violazione del principio di non discriminazione configura una condotto illecita del datore di lavoro che contravviene tanto ad una disposizione imperativa di legge in termini di responsabilità extracontrattuale (secondo il combinato disposto degli art. 36 2 c. del D.Lgs. 165/2001 e art. 6 D.Lgs. n. 368/2001), quanto ad un preciso dovere di adempimento contrattuale, trasfondendosi il divieto di discriminazione nell'ambito dei doveri comunque scaturenti dal rapporto di lavoro"

La sentenza: Trib_MilanoSezlavoroSent10062013.pdf


Proposta d'iniziativa dei cittadini europei:
Uno di noi

Oggetto:
Protezione giuridica della dignità, del diritto alla vita e dell’integrità di ogni essere umano fin dal concepimento nelle aree di competenza UE nelle quali tale protezione risulti rilevante.


L’embrione umano merita il rispetto della sua dignità e integrità. Ciò è affermato nella sentenza CEG nel caso Brustle, che definisce l’embrione umano come l’inizio dello sviluppo dell’essere umano. Per garantire la coerenza nei settori di sua competenza dove la vita dell’embrione umano è in gioco, l’UE deve introdurre un divieto e porre fine al finanziamento di attività presupponenti la distruzione di embrioni umani in particolare in tema di ricerca, aiuto allo sviluppo e sanità pubblica.

Il link:http://www.oneofus.eu


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SENTENZA N.26966/2013

Il medico di reparto è sempre responsabile delle dimissioni se ha partecipato alla visita collegiale del paziente ed anche se non ha partecipato all'intervento; nel caso di dissenso con il Responsabile della struttura deve far risultare tale dissenso dalla documentazione clinica; a tal fine non rileva la posizione di subordinazione nei confronti del Responsabile.
La sentenza in Responsbilità/Giuriprudenza


CORTE DEI CONTI, SENTENZA N N.1392/2013

Il medico specialista convenzionato che chiede dei soldi ai propri pazienti promettendo una "corsia preferenziale" per sottoporli ad interventi chirurgici, oltre a commettere il reato di concussione, causa un danno all'immagine della pubblica amministrazione che deve essere risarcito (nella specie liquidato in via equitativa in € 5.000,00).

La sentenza in Lavoro/Professioni

CASSAZIONE CIVILE SEZ. LAVORO N.
12725/2013

Ai fini della configurabilità del mobbing lavorativo devono quindi ricorrere molteplici elementi: a) una serie di comportamenti di carattere persecutorio - illeciti o anche leciti se considerati singolarmente - che, con intento vessatorio, siano stati posti in essere contro la vittima in modo miratamente sistematico e prolungato nel tempo, direttamente da parte del datore di lavoro o di un suo preposto o anche da parte di altri dipendenti, sottoposti al potere direttivo dei primi; b) l'evento lesivo della salute, della personalità o della dignità del dipendente; c) il nesso eziologico tra la descritte condotte e il pregiudizio subito dalla vittima nella propria integrità psico-fisica e/o nella propria dignità; d) il suindicato elemento soggettivo, cioè l'intento persecutorio unificante di tutti i comportamenti lesivi (vedi: Cass. 21 maggio 2011 n. 12048; Cass. 26/3/2010 n. 7382).

In Responsabilità/Mobbing



CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.1024/2013

Il consenso informato non può estendersi ad un intervento diverso da quello concordato.

In Responsabilità/Consenso informato

TRIBUNALE DI GORIZIA, ORDINANZA DEL 9 MAGGIO 2013

Per il Tribunale il D.L. 24/2013 che consente la prosecuzione delle terapie già iniziate con cellule staminali mesenchinali è costituzionalmente illegittimo perchè fonda l'accesso o meno alla terapia solo su un dato cronologico e pertanto ordina alla Azienda Sanitaria la somministrazione della terapia secondo il protocollo "Stamina".

Il rischio è il "far west."

La sentenza:TribGorizia09052013.pdf

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SENTENZA N.18185/2013

La responsabilità professionale medica derivante da imperizia e negligenza per non aver il medico, preventivamente disposto ulteriori accertamenti prima dell'esecuzione di una operazione chirurgica, che avrebbe avuto con alta prevedibilità effetti gravemente invalidanti, non è addebitale al professionista se il caso specifico è connotato da palese urgenza e imprevedibile evoluzione delle condizioni della paziente. Ne consegue che, in tale ipotesi, al medico non è addebitabile neppure l'omessa richiesta di rinnovazione del consenso alla prosecuzione del detto intervento.

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SENTENZA N.11793/2013

Risponde di concussione il medico che, abusando della reputazione e della incondizionata stima di cui lo stesso gode all’interno di una struttura ospedaliera, richiede denaro in cambio della promessa di operare i pazienti personalmente. Tale condotta assume una forza di intimidazione notevole specie se si considera la posizione subalterna dei pazienti, esposti per le gravi condizioni di salute ad un rischioso intervento.

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA 22 MARZO 2013 N.7269.

La donna che richieda il risarcimento del danno in seguito alla nascita del figlio con gravi malformazioni, per non essere stata la medesima adeguatamente informata dal medico e, conseguentemente, per non aver essa potuto esercitare il diritto di interruzione della gravidanza, è tenuta a provare i fatti costitutivi della domanda, e dunque che l'informazione omessa avrebbe provocato un processo patologico tale da determinare un grave pericolo per la sua salute e, in stretta connessione, che, nella situazione ipotetica data, essa avrebbe effettivamente optato per l'interruzione della gravidanza. In tale contesto, il rischio della mancanza o della insufficienza del quadro probatorio andrà acquisito a suo carico.

In Responsabilità/Giurisprudenza

CORTE D'APPELLO PALERMO, SENTENZA 23 GENNAIO 2013

Il contratto di spedalità con la struttura sanitaria si perfeziona in modo tacito per il semplice "contatto sociale", e cioè per il ricovero presso di essa, anche se i sanitari che vi operno non sono dipendenti dalla stessa struttura. 

La sentenza:

CorteAppelloPalermo23012013.pdf



PUBBLICATA LA NUOVA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

In particolare, sono spiegate le regole e le modalità da seguire per richiedere le seguenti agevolazioni:

- FIGLI A CARICO

- VEICOLI

- ALTRI MEZZI DI AUSILIO E SUSSIDI TECNICI E INFORMATICI

- ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

- SPESE SANITARIE

- ASSISTENZA PERSONALE

Ecco la guida per esteso:
GuidaAgevolazionIFiscaliDisabili32013.pdf




PUBBLICATI I NUOVI DRG. DECRETO MINISTERIALE DEL 18/12/2012.

"Remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti, assistenza ospedaliera di riabilitazione e di lungodegenza post acuzie e di assistenza specialistica ambulatoriale"
In caso di adozione da parte delle regioni di tariffe superiori a quelle stabilite dal presente decreto, gli importi tariffari superiori alle tariffe massime restano a carico dei bilanci regionali

Il testo: NuoviDRG.pdf


CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.4030/2013

La responsabilità civile sanitaria per colpa liveve non è stata abrogata dal decreto "Balduzzi".
La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza.

CONSIGLIO DI STATO, SENTENZA N.697/2013

Il Consiglio di Stato fa un excursus della posizione delle strutture sanitarie degli enti ecclesiastici nel S.S.N., dalla "equiparazione" all'accreditamento e agli accordi contrattuali.

La sentenza enlla sezione "Accreditamento/Giurisprudenza"

CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.17143/2012

La Cassazione ribadisce che la responsabilità sanitaria ha natura contrattuale e detta le regole per ripartire l'onere della prova.

"In campo di responsabilità civile sanitaria, il paziente danneggiato è tenuto a provare unicamente il contratto di cura e ad allegare la difformità della prestazione ricevuta rispetto al risultato normalmente conseguente ad una condotta improntata alla diligenza dovuta.

Il medico, invece, ha l'onere di provare che l'eventuale insuccesso dell'intervento, rispetto a quanto concordato o ragionevolmente attendibile, è dipeso da causa a sé non imputabile"

La sentenza nella sezione Responsabilità.



CORTE DI CASSAZIONE, SENTENZA N.16754/2012.

Pubblichiamo, anche se in ritardo, questa sentenza. Più che essere d'accordo o contro ci interessa rilevare come spesso il diritto viene piegato a visioni ideologiche (di qualsiasi parte siano).

La massima: "Il risarcimento del danno c.d. da nascita indesiderata, scaturente dall’errore del medico che, non rilevando malformazioni congenite del concepito, impedisca alla madre l’esercizio del diritto di interruzione della gravidanza, spetta non solo ai genitori del bimbo nato malformato, ma anche ai suoi fratelli.
Nel caso in cui il medico ometta di segnalare alla gestante l'esistenza di più efficaci test diagnostici prenatali rispetto a quello in concreto prescelto, impedendole così di accertare l'esistenza d'una una malformazione congenita del concepito, quest’ultimo, ancorché privo di soggettività giuridica fino al momento della nascita, una volta venuto ad esistenza ha diritto, fondato sugli art. 2, 3, 29, 30 e 32 Cost., ad essere risarcito da parte del sanitario del danno consistente nell’essere nato non sano, rappresentato dell'interesse ad alleviare la propria condizione di vita impeditiva di una libera estrinsecazione della personalità."

La sentenza si discosta da precedenti sentenze (v. la sezione di bioetica).

Ciò che preoccupa è che più che di diritto si fa filosofia del diritto e i Giudici dichiarano espressamente il presupposto ideologico da cui parte la sentenza: 
"La soggettività è una astrazione giuridica funzionale alla titolarità di rapporti giuridici" (pag.43).

Che dire? Sinceramente non ci consideriamo una "astrazione"..., questi ci sembrano i presupposti del totalitarismo del diritto e dello Stato!

La sentenza per intero:
16754_10_12.pdf



CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.20984/2013

In materia di consenso informato, la S.C. ha precisato i seguenti princìpi: 
1) non può
esservi un consenso tacito per facta concludentia; 
2) la qualità personale del
soggetto da informare (nella specie, medico) non fa venire meno l’obbligo di
informazione; 
3) l’onere della prova con riguardo all’avvenuta illustrazione delle
possibili conseguenze dannose della terapia spetta al medico, una volta dedotto dal paziente il relativo inadempimento.

La sentenza: 20984_11_12.pdf




LA CASSAZIONE PENALE APPLICA LE NUOVE NORME DEL DECRETO BALDUZZI.

Sentenza n.268/2013: la colpa lieve è stata depenalizzata.

L'avviso della sentenza:Cassazionepenale2682013.pdf


GARANTE DELLA PRIVACY:
PROVVEDIMENTO N.362/2012


Il Garante vieta ad una ASL, ai sensi degli artt. 143, comma 1, lett. c) e 154, comma 1, lett. d) del Codice, di diffondere ulteriormente in Internet – sia attraverso la pubblicazione nell'albo pretorio online che in qualsiasi altra area del sito web istituzionale – i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute degli interessati, contenuti nelle determinazioni o delibere aventi a oggetto liquidazioni di indennizzo per patologie contratte per causa di servizio oppure rimborsi per spese sanitarie o per spese di trasporto, di oggiorno, di viaggio per effettuare prestazioni sanitarie nonché in tutte le altre determinazioni aventi  analogo oggetto e/o contenuto pubblicate alla data di ricezione del provvedimento.

Il testo: 2194472.pdf


TIBUNALE DI VARESE, SENTENZA DEL 26/11/2012


La legge 189/2012, di conversione in legge del d.l. 158/2012, ha modificato in modo integrale l'art. 3, comma I, (Responsabilità professionale dell’esercente le professioni sanitarie).
Adesso la norma  prevede che “l’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’articolo 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo”.

Per il Tribunale di Varese il legislatore ha optato per la natura extracontrattuale della responsabilità medica quando manchi un rapporto contrattuale diretto tra paziente danneggiato e sanitario oppure un rapporto contrattuale atipico di spedalità

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza.

PUBBLICATA  LA LEGGE DI STABILITA' 2013.

Si segnalano l'art.1, commi:

133: "la pubblicazione sul sito web dei prezzi unitari corrisposti dalle aziende sanitarie locali per gli acquisti di beni e servizi».
134. Strutture per "la gestione del risk management che includano, laddove presenti, competenze di dicina legale, medicina del lavoro, ingegneria clinica e farmacia,secondo quanto suggerito anche dalla Raccomandazione n. 9 del 2009 del Ministero della salute avente per oggetto «Raccomandazione per la prevenzione degli eventi avversi conseguenti al malfunzionamento dei dispositivi medici apparecchiature elettromedicali".

138. e segg. Il blocco dell'acquisto degli immobili e delle locazioni passive, limitazioni all'acquisto di mobili, arredi ed autovetture.

147. All'articolo 7, comma 6, lettera c), del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «; non e' ammesso il rinnovo; l'eventuale proroga dell'incarico originario e' consentita, in via eccezionale, al solo fine di completare il progetto e per ritardi non imputabili al collaboratore, ferma restando la misura del compenso pattuito in sede di affidamento dell'incarico"

Il testo completo: 
Legge24122012228.pdf


INAIL:

Prestazioni sanitarie necessarie al recupero dell'integrità psico-fisica degli infortunati e dei tecnopatici. Articolo 11, comma 5 bis, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81, come modificato dal decreto legislativo 3 agosto 2009, n.106.

Il link al sito dell'INAIL:

http://normativo.inail.it/bdninternet/2012/ci201262.htm


CASSAZIONE PENALE, SENTENZA N.44830 DEL 15 NOVEMBRE 2012

Resposanbilità medica di equipe e obbligo di predisporre e seguire il decorso post operatorio.
La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza


DECRETO SANITA': LA REGIONE SICILIANA BLOCCA LE ASSUNZIONI:

Le circolari dell'Assessorato:

CircolareSanita21112012.pdf

Circolaresanita30112012.pdf

Il problema è che alcune aziende stanno assumendo direttamente i vincitori di concorsi con contratti a tempo determinando licenziando coloro che già sono assunti a tempo determinato in base a graduatorie ex art.9 L.207/1985 e, di fatto, in contrasto con la procedura prevista dalla stessa legge.
Tale comportamento della ASP sarà causa di ulteriore contenzioso.


LA CORTE COSTITUZIONALE BOCCIA I TAGLI AI DIRIGENTI E IL CONTRIBUTO DEL 2,5% IN FAVORE DELL'INPDAP (ORA INPS).

Ed il governo corre ai ripari con il D.L. 185/2012, annullando retroattivamente il passaggio dal TFS al TFR, per cui non vi sarà alcun rimborso. La sentenza: CorteCost_sent_223_2012.pdf
Il decreto legge del Governo: DL1852012.pdf

LA LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO SANITA'
Il testo con le modifiche apportate: Decretosanita.pdf
Il blocco sostanziale delle assunzioni, le nuove norme sulla responsabilità, la nomina dei dirigenti di strutrtura...


LA CASSAZIONE ALLEGERISCE L'ONERE DELLA PROVA DELL'INTENTO PERSECUTORIO NEL MOBBING:

"Nel rito del lavoro, il principio dispositivo deve essere contemperato con quello della ricerca della verità materiale, con l'utilizzazione da parte del giudice anche di poteri officiosi oltre che della prova per presunzioni, alla quale, specialmente in casi come quello in oggetto, va attribuito precipuo rilievo"

La sentenza nella sezione "Lavoro/mobbing"

APPROVATE LE DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL'ILLEGALITA' NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

Si segnalano le norme in materia di:

  • Piano di prevenzione (art.1 comma 5).
  • Dirigente responsabile della prevenzione della corruzione (art.1, comma 6).
  • La possibilità per e stazioni appaltanti di prevedere negli avvisi, bandi di gara o lettere di invito che il mancato rispetto delle clausole contenute nei protocolli di legalita' o nei patti di integrita' costituisce causa di esclusione dalla gara (art.1 comma 17).
  • Delega legislativa in materia di pubblicità, trasparenza ed informnazione dell'attività della P.A.
  • Delega legislativa per il riordino del conferimento degli incarichi dirigenziali (art.1,comma 49) e la introduzione del criterio della rotazione negli incarichi a rischio di corruzionei.
  • Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (art.1, comma 51).
  • Reato di corruzione tra privati (art.1, comma 76).

Il testo della legge: 190.pdf

IL MOBBING PUO' INTEGRARE ANCHE GLI ESTREMI DELL'ABUSO D'UFFICIO

Cassazione penale 22 ottobre 2012 n.41215.

"La configurabilità dell'elemento soggettivo dell'abuso di ufficio richiede il dolo intenzionale, ovvero la rappresentazione e la volizione dell'evento come conseguenza diretta ed immediata della condotta dell'agente. Il delitto deve, pertanto, ritenersi configurabile in capo all'agente che, nella sua qualità di primario di un reparto dell'Azienda Ospedaliera, ponga in essere la condotta descritta dalla fattispecie incriminatrice connotata dalla precisa volontà di colpire un collega, nell'attività più importante e qualificante di chirurgo, sospendendone la crescita professionale e procurando ad esso un danno professionale, nonché alla reputazione, alla vita di relazione ed alla sfera psicologica per l'effetto di umiliazione e svalutazione in lui determinato."


CASSAZIONE CIVILE SEZ. LAVORO, SENTENZA 12 OTTOBRE 2012 N.17438

Per la prima volta viene riconosciuta la nocività per la salute dell'uso prolungato del cellulare (fattispecie in tema di malattia professionale).

La sentenza: Cass__civ__Sez__lavoro,_Sent_,_12-10-2012,_n__17438.pdf


CORTE COSTITUZIONALE ED ACCREDITAMENTO DI SRUTTURE AL DI FUORI DEL TERRITORIO DELLA REGIONE


La corte Costituzionale dichiara la illegittimità di una legge della Regione Puglia che vietava alle aziende sanitarie di accreditare e stipulare contratti con strutture sanitarie al di fuori della regione.
Si allarga la concorrenza.


La sentenza: CorteCostituzionale2362012.pdf



BEFFA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA:

La Corte costituzionale ha dichiarato la illegittimita' costituzionale, per eccesso di delega legislativa, del dlgs 4 marzo 2010, n.28 nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione.


COMMETTE REATO DI ABUSO DI UFFICIO IL MEDICO OSPEDALIERO CHE INVITA IL PAZIENTE A RECARSI PRESSO IL SUO STUDIO

Quando le stesse cure sono disponibili gratuitamente presso la struttura pubblica. Così la Cassazione Penale con sentenza n.40824 del 17/10/2012:

" il medico, con la visita post operatoria in ambito privato, viene a percepire, un ingiusto vantaggio (da doppia retribuzione), con danno del paziente (che viene a versare un emolumento già compreso nel ticket)”, si legge ancora nella sentenza che al medico compete “l’obbligo di concludere l’intervento professionale nella sede naturale, ospedaliera, e senza ulteriori esborsi economici non dovuti, a meno che sia lo stesso paziente che opti, consapevolmente, per tale soluzione (…) Né può sostenersi che si è trattato nella specie di una scelta volontaria dei pazienti posto che non risulta affatto che gli stessi siano stati informati del loro diritto di essere visitati, senza ulteriori aggravi economici, all’interno della struttura pubblica nella quale era stato praticato l’intervento chirurgico"


LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA SUI CONTRATTI A TERMINE:

Non è conforme alla direttiva 1999/70 la normativa italiana che in in caso di stabilizzazione dei dipendenti pubblici non riconosce l'anzainità di servizio maturata con contratti a termine.

Il principio è di portata generale e perciò sono illegittime le norme che, ad esempio, non riconoscno l'anzianità dei dirigenti se non per i contratti a termine senza soluzione di continutà.


La sentenza: LexUriServ.mht

L'AUTORITA' DI VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DETTA LE REGOLE PER L'AFFIDAMENTO DEGLI APPALTI ALLE COOPERATIVE SOCIALI:


Determina n.3 del 01/08/2012: Detn301082012.pdf


T.A.R. PALERMO, DECRETO N.599/2012

Il T.A.R. Palermo con decreto cautelare d'urgenza sospende l'accorpamento coattivo dei labentro il oratori d'analisi che non raggiungono il minimo di 100.000 prestazioni annue entro il 31/12/2012.

Il decreto: N__01578-2012_REG_RIC__xml.mht

T.A.R. LOMBARDIA, ORDINANZA N.414/2012.

Rigetta la di sospensiva dell'ordinanza AIFA 1/2012 del 15/5/2012, recante divieto "con decorrenza immediata, di effettuare: prelievi, trasporti, manipolazioni, colture, stoccaggi e somministrazioni di cellule umane presso l’Azienda Ospedaliera Spedali Civili Di Brescia, in collaborazione con la Stamina Foundation ONLUS, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 142 del d. lgs. 219 del 2006.

L'ordinanza: N__00919-2012_REG_RIC__xml.mht

L'ORDINANZA DEL TRIBUNALE DI VENEZIA SULLA CURA CON CELLULE STAMINALI

Accoglie invece il ricorso perchè non si tratta di sperimentazione farmaceutica ma di cura compassionevole e di tutela del bene salute nel caso singolo: Ordinanzacarrer.pdf


IL TESTO DEFINITIVO DEL DECRETO SANITA':

L'assistenza 24 h su 24 (sogno o realtà?),
Le nuove regole per la nomina dei primari
e tanto altro ancora...

Il testo: Decretosanitatestodefinitivo.pdf

LA SPENDING REVIEW SANITARIA
Convertito in leggge il D.L. 06/07/2012 n.95: nuove norme in materia di farmaceutica, prescrizione dei farmaci (comma 11 bis), riduzione dei budget dei soggetti accreditati (comma 14), etc...

Il testo del decreto legge coordinato con la legge di conversione: Spendingreview.pdf

CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA 22 MARZO 2012 N.4558

Se le prestazioni sanitarie sono prevalenti su quelle sociali esse sono a totale carico del Servizio Sanitario (caso di malato di Alzheimer per il quale il Comune aveva chiesto il pagamento agli obbligati agli alimenti).

La sentenza in "Diritto all'assistenza".

CONSIGLIO DI STATO, SENTENZA N.877/2012

Il Consiglio di Stato afferma la validità di una deliberazione regionale che attribuisce alle Aziende il potere di assegnare una quota aggiuntiva per le attività ambulatoriali, a fronte di specifici progetti definiti dalle stesse aziende sanitarie territoriali e finalizzati a risolvere gli squilibri tra la domanda e l’offerta e la durata dei tempi di attesa, purchè nel doveroso rispetto dei limiti di stanziamento.

La sentenza on Accreditamento/Budget&Tariffe

CASSAZIONE PENALE, SENTENZA N.25255/2012

Il medico che non versa alla Azienda sanitaria i compensi dell'attività intramoenia commette il reato di peculato.

La sentenza: CassazionePenale252552012.doc

CASSAZONE CIVILE, SENTENZA N.10616/2012

Il medico è responsabile in solido con la struttura sanitaria per il difettoso funzionamento dei dispositivi medici.
La sentenza: CassazioneCivile106162012.doc

CASSAZIONE CIVILE, SEZ. LAVORO, SENTENZA N.11798/2012

Non sono sanzionabili disciplinarmente i comportamenti del lavoratore causati dal suo stato di precario equilibrio pscologico.
(Nel caso in specie il lavoratore, affetto da distrubi di ansia e di adattamento, aveva omesso di comunicare la prosecuzione dello stato di malattia).
La sentenza: CassazioneCivileSezLavoro117982012.doc



T.A.R. LAZIO, SENTENZA N.5551/2012

L'alunno portatore di handicap ha diritto all'insegnante di sostengo per 25 ore settimanali. Avendo la Corte Costituzionale con la sentenza n. 80 del 26 febbraio 2010 “eliminato dall’ordinamento le disposizioni limitative contenute nei commi 413 e 414 dell’art. 2 della L. Fin. n. 244 del 2007, torna, per così dire, in auge il disposto dell’art. 40 della L. n. 449 del 1997 stante il quale “In attuazione dei princìpi generali fissati dalla legge 5 febbraio 1992, n. 104, è assicurata l'integrazione scolastica degli alunni handicappati con interventi adeguati al tipo e alla gravità dell'handicap, compreso il ricorso all'ampia flessibilità organizzativa e funzionale delle classi prevista dall'articolo 21, commi 8 e 9, della legge 15 marzo 1997, n. 59, nonché la possibilità di assumere con contratto a tempo determinato insegnanti di sostegno in deroga al rapporto docenti-alunni indicato al comma 3, in presenza di handicap particolarmente gravi,”.(cfr. TAR Lazio, sezione III bis, n. 1669/2012 cit.).


La sentenza in "Diritto all'assistenza."


CONSIGLIO DI STATO, SENTENZA N.1040/2012

L’indennità di esclusività spetta iure proprio, ai sensi dell’art.5 del d.lgs. n. 517 del 1999, ai docenti universitari impegnati a tempo pieno in funzioni assistenziali.

La sentenza:
CdS201201040.htm


CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA 5 MAGGIO 2012 N.7529


Nella imputazione per omissione colposa il giudizio causale assume come termine iniziale la condotta omissiva del comportamento dovuto; pertanto deve valutarsi la omissione specifica imposta da una norma giuridica, ovvero anche una omissione generica in relazione alla prestazione professionale del sanitario impegnato nell' intervento. Non vi è nesso causale se l'evento di danno non si ricollega deterministicamente, o in termini di probabilità, con la condotta dei sanitari. (nel caso in specie si imputava alla guardia medica di non avere disposto il ricovero in ospedale, ma la CTU aveva accertato che il successivo decesso era da attribuirsi alla mancata assunzione della terapia prescritta).

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza


CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.6914/2012

Ove un terzo chieda il risarcimento del danno non patrimoniale da sé stesso subito a causa dell'inadempimento della casa di cura nei confronti del paziente, l'ambito risarcitorio nel quale la domanda deve essere inquadrata è necessariamente di natura extracontrattuale, con conseguente onere per l'attore di provare il comportamento colposo della struttura (nel caso in specie una signora malata di alzheimer ricoverata in una casa di soggiorno per anziani era precipitata dalla finestra della stanza di degenza; la Corte, ritenendo l'onere della prova della colpa a carico dell'attore - figlia della signora -, ha escluso la responsabilità della casa di soggiorno).

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza.



TRIBUNALE DI MANTOVA 2 MAGGIO 2012

Nell'attività medica di equipe ciascuno è tenuto ad osservare oltre alla diligenza e prudenza ed alle regole settoriali della propria attività, gli obblighi degli altri collabotori nei limiti in cui siano conoscibili e valutabili.
(Fattispecie in tema di danno derivante da malposizionamento del paziente sul lettino operatorio imputato oltre che all'anestesista al medico chirurgo operatore).

La sentenza in Responsabilità/Giurisprudenza.


TRIBUNALE DI MILANO, SEZ. LAVORO, SENTENZA 12/01/2012

Medici di medicina generale: la Azienda sanitaria non può sospendere il pagamento delle "quote" relative a cittadini extracomunitari anche se il loro permesso di soggiorno è scaduto.

La setenza in "Diritto all'assistenza".


CORTE COSTITUZIONALE, SENTENZA N.107 DEL 16 APRILE 2012

La Corte dichiara la illegittimità costituzionale dell’articolo 1, comma 1, della legge 23 febbraio 1992, n. 210 (Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati), «nella parte in cui non prevede che il diritto all’indennizzo, istituito e regolato dalla stessa legge ed alle condizioni ivi previste, spetti anche ai soggetti che abbiano subìto lesioni e/o infermità, da cui siano derivati danni irreversibili all’integrità psico-fisica, per essersi sottoposti a vaccinazione, non obbligatoria ma raccomandata, contro il morbillo, la rosolia e la parotite»




CONSIGLIO DI STATO, ADUNANZA PLENARIA NN.3 E 4/2012

Il Consglio di Stato detta i limiti entro i quali il budget dei soggetti accreditati può essere fissato anche retroattivamente.

Le strutture private, che erogano prestazioni per il Servizio sanitario nazionale nell’esercizio di una libera scelta, potranno aver riguardo - fino a quando non risulti adottato un provvedimento definitivo - all'entità delle somme contemplate per le prestazioni dei professionisti o delle strutture sanitarie dell'anno precedente, diminuite della riduzione della spesa sanitaria effettuata dalle norme finanziarie relative all’anno in corso La tutela dell'affidamento richiede che le decurtazioni imposte al tetto dell’anno precedente, ove retroattive, siano contenute, salvo congrua istruttoria e adeguata esplicitazione all’esito di una valutazione comparativa, nei limiti imposti dai tagli stabiliti dalle disposizioni finanziarie conoscibili dalle strutture private all’inizio e nel corso dell’anno.

Le sentenze in Accreditamento/Budget&Tariffe


CASSAZIONE CIVILE SEZ. LAVORO, SENTENZA N.5369/2012

La Cassazione scende in difesa dei dirigenti pubblici:

"In tema di impiego pubblico privatizzato, nell’ambito del quale anche gli atti di conferimento di incarichi dirigenziali rivestono la natura di determinazioni negoziali assunte dall’amministrazione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, le norme contenute nell’art. 19 del D.Lgs. 165/2001 obbligano l’amministrazione datrice di lavoro al rispetto dei criteri di massima in esse indicati, anche per il tramite delle clausole generali di correttezza e buona fede, applicabili alla stregua dei principi di imparzialità e di buon andamento di cui all’art. 97 della Costituzione. Tali norme obbligano la P.A. a valutazioni anche comparative, all’adozione di adeguate forme di partecipazione ai processi decisionali e ad esternare le ragioni giustificatrici delle scelte.
Laddove, pertanto, l’amministrazione non abbia fornito nessun elemento circa i criteri e le motivazioni seguiti nella scelta dei dirigenti ritenuti maggiormente idonei agli incarichi da conferire, è configurabile inadempimento contrattuale, suscettibile di produrre danno risarcibile
."


La sentenza in Lavoro/Dirigenza.


LA CASSAZIONE RIBADISCE IL PROPRIO ORIENTAMENTO SUL MOBBING:


Per mobbing si deve intendere una condotta del datore di lavoro o del superiore gerarchico, sistematica e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del lavoratore nell'ambiente di lavoro, che si risolve in reiterati comportamenti ostili che finiscono per assumere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica, da cui può conseguire la mortificazione morale e l'emarginazione del dipendente, con effetto lesivo del suo equilibrio fisiopsichico e del complesso della sua personalità. E si è precisato che ai fini della configurabilità della condotta lesiva del datore di lavoro sono, pertanto, rilevanti:
a) la molteplicità di comportamenti di carattere persecutorio, illeciti o anche leciti se considerati singolarmente, che siano stati posti in essere in modo miratamente sistematico e prolungato contro il dipendente con intento vessatorio;
b) l'evento lesivo della salute o della personalità del dipendente;
c) il nesso eziologico tra la condotta del datore o del superiore gerarchico e il pregiudizio all'integrità psico-fisica del lavoratore; d) la prova dell'elemento soggettivo, cioè dell'intento persecutorio.

La sentenza in Lavoro/mobbing


AGENZIA DELLE ENTRATE: RISOLUZIONE N.30/E

Senza Iva le prestazioni di servizi effettuate dalle società cooperative esercenti l’attività sanitaria.

La risoluzione: Ris30E.pdf

CONSIGLIO DI STATO, ORDINANZA DEL 31/03/2012

Autorizzazione allo spostamento di sede farmaceutica nelle "immediate adiacenze" della zona originariamente assegnata.

La sentenza: CdS31032012.htm


CASSAZIONE CIVILE SENTENZA N.3415/2012

Il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno per perdita di chances se la procedura di selezione non è trasparente.

La sentenza in "Lavoro/Giurisprudenza".


IL TEMPO NECESSARIO ALLA VESTIZIONE DEL DIPENDENTE
DEVE ESSERE COMPUTATO NELL'ORARIO DI LAVORO


La giurisprudenza ha un orientamento sempre più maggioritario:

TribunaleMIlano10032011.pdf

TribunaleGenova27092011.pdf


REGIONE SICILIANA: DECRETO 12 GENNAIO 2012.

Regolamentazione delle forme di lungo assistenza per persone fragili con patologie cronico-degenerative, con riguardo alla popolazione ultrasessantacinquenne.


Finalmente la Regione regola l'accesso alle forme di lungo assistenza e il pre-accreditamento delle strutture.
DECRETO_13_gennaio_2012.doc



T.A.R. CALABRIA, SENTENZA N.53/2012:

Il prelievo del 2,5% sull'80% della retribuzione dei dipendenti pubblici è illegittimo a decorrere dal 01/01/2011.

Nel precedente sistema l'ndennità di buonuscita era finanziata da un accantonamento di una percentuale pari al 9,60% sull’80% della retribuzione a cura dell’Amministrazione, con diritto di rivalsa sul dipendente nella misura del 2,5%. Tale sistema è venuto meno a decorrere dal 01/01/2011 a seguito dell'entrata in vigore del D.L.78/2010 e della introduzione del sitema del T.F.R. dal 01/01/2011.
Tuttavia le Amministrazioni hanno continuato ad eseguire un doppio prelievo, sia quello a titolo di T.F.R. (6,91%), sia quello a titolo di indennità di buonauscita (2,5)! Tale ultimo prelievo è stato ora censurato dal T.A.R. Calabria, che ha ordinato la restituzione delle somme trattenute.
L'unico rammarico è che il ricorso è stato presentato dagli stessi magistrati del T.A.R., si avrebbe avuto lo stesso eisto se fosse stato presentato da un semplice dipendente pubblico?

La sentenza in "Lavoro/Giurisprudenza".


CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA N.1850 DEL 08 FEBBRAIO 2012

Medici specializzandi: La prescrzione quinquennale introdotta dalla L.183/2011 non è retroattiva e si applica solo dal 01/01/2012
La sentenza: Cassazionecivile18502012.doc

IL MEDICO E L'INFEMIERE CHE CURANO IL BOSS MAFIOSO CONCORRONO NEL REATO DI ASSOCIAZIONE MAFIOSA. CASSAZIONE PENALE SENTENZA N.5909 DEL 15 FEBBRAIO 2012

La tutela del diritto alla salute non è una scriminante quando vi è un coinvolgimento continuo e attivo.

La sentenza nella sezione Giurisprudenza.



IL TRIBUNALE DI TORINO CONFERMA:
L'INDENNITA' DI ESCLUSIVITA' E GLI INCARICHI DI MAGGIOR VALORE NON RIENTRANO NEL BLOCCO DELLE RETRIBUZIONI DISPOSTO DAL D.L. 78/2010

L'anzianità di esclusività è commisurata all'anzianità di servizio, anche presso enti diversi del S.S.N. e, anche nel caso di passaggio al regime di "intramoenia", essa non è assoggettata al blocco delle retribuzioni disposto dal D.L.78/2010.

Sentenza del 26 gennaio 2012 in Lavoro/Dirigenza.




















































Powered by: www.studiocataldi.it



































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.


Site Map